Fly and Drive: Cos'è, Come Funziona e Perché Sceglierlo per Viaggiare

Chiara Mandich

Cos’è questo fantomatico “fly and drive” di cui forse avrai già sentito parlare?

Come funziona, e perché dovresti sceglierlo per viaggiare?

A questa e ad altre domande risponderemo in questo nostro articolo: allaccia le cinture quindi, e preparati a partire!

Cos’è il Fly and Drive e Come Funziona

La traduzione letterale dell’espressione fly and drive è “vola e guida”, ed in effetti è proprio questo il principio alla base di questa tipologia di viaggio.

In sostanza ti consente di raggiungere in aereo la tua destinazione, e poi di noleggiare sul posto un altro mezzo di trasporto “su ruote” per esplorarla.

Parliamo genericamente di “mezzo di trasporto su ruote” perché in effetti puoi noleggiare un’auto, una moto (in questo caso si sente anche parlare di “fly and ride”) o un camper.

Ed ecco perché siamo proprio noi, che come ben sai siamo camperisti, a presentarti questo modo particolare di vedere il mondo.

Volo aereo
Il fly and drive unisce il volo aereo all’on the road.

Ovviamente un viaggio in fly and drive va pianificato con grande anticipo, perché dovrai avere il tempo e il modo sia di trovare il volo aereo più comodo e conveniente per te, sia di trovare un noleggiatore a destinazione che possa fornirti il mezzo che desideri nel periodo da te scelto.

Ora noi andremo ad approfondire la questione del noleggio camper perché è quella per certi versi più “complicata”, ma ti ricordiamo appunto che il noleggio può riguardare tutti quei mezzi con cui affrontare un on the road.

Il Noleggio del Camper: Come Sceglierlo e Gestirlo

La prima cosa da fare se decidi di affrontare un viaggio in camper in fly and drive è ovviamente quella di cercare qualcuno che possa noleggiarti un camper.

Noi personalmente sconsigliamo il noleggio tra privati per una questione di sicurezza a 360 gradi.

Ricordati che mentre sei in viaggio potresti andare incontro a diversi episodi spiacevoli, da malfunzionamenti del mezzo stesso ad incidenti lungo il tragitto.

Speriamo non ti succeda mai nulla di brutto, ma se dovesse capitarti non credi sia meglio avere una buona copertura assicurativa?

Se ti affidi ad una ditta seria che si occupa di noleggio potrai dormire sonni tranquilli, mentre se noleggi da privato potresti anche non essere tutelato.

Nel caso, controlla bene che sia una pratica legale (ad esempio in Italia il noleggio tra privati NON è consentito) e che ti siano fornite tutte le garanzie e le tutele assicurative necessarie.

Viaggio on the road in America
Ci sono viaggi on the road che vanno per forza abbinati ad un volo aereo, come in America.

In seconda battuta un noleggiatore serio ti fornirà sicuramente un camper funzionante e perfettamente pulito, cosa che in periodo Covid non è certo da sottovalutare.

Assicurati che la sede del noleggiatore sia comodamente raggiungibile dall’aeroporto e che disponga della tipologia di mezzo che desideri nel periodo che hai scelto per il tuo viaggio.

Tieni presente che esistono compagnie sia locali presso cui noleggiare un camper che più grandi, con sedi sparse in tutta Europa o persino in tutto il mondo.

Un esempio di compagnia molto estesa è Indie Campers, ma ne troverai molte altre.

Spesso in alta stagione la disponibilità di mezzi diminuisce, quindi a maggior ragione cerca di pianificare il tutto per tempo.

Controllare l’Attrezzatura

Controlla bene cosa ti viene fornito al momento del noleggio in termini di attrezzatura: la biancheria da letto ad esempio è già a bordo?

Piatti e pentole sono compresi nel prezzo?

Ti servono tavoli e sedie da esterno?

A volte tutto questo è già compreso nel prezzo del noleggio, altre volte è previsto un pagamento a parte.

Viaggio con camper a noleggio
Noleggia il tuo camper e va’ dove vuoi!

Va da sé che avere un camper attrezzato di tutto punto è fondamentale in un fly and drive, perché di certo non ti sarà possibile portare con te in aereo mezza casa…

Non controllare solo i complementi d’arredo però, perché è ancora più importante capire com’è accessoriato il camper a livello ad esempio di pannelli solari, batterie, capacità dei serbatoi…

Se ad esempio i pannelli solari non sono presenti ti sarà impossibile praticare la sosta libera per più di un paio di giorni, così come serbatoi per l’acqua di capacità ridotta ti costringeranno a prevedere tappe per il carico e lo scarico più frequenti.

Il Chilometraggio Disponibile

Spesso i noleggiatori prevedono pacchetti che consentono un certo numero di chilometri da percorrere al giorno, ma esiste anche la possibilità di non avere limiti.

Logicamente i costi variano di conseguenza, ma è una cosa a cui devi prestare molta attenzione.

Valuta quindi il tuo itinerario, le tappe che hai intenzione di fare e la lunghezza del tragitto tra una tappa e l’altra, e cerca l’opzione di chilometraggio più adatta a te.

Non hai idea del percorso che seguirai perché la tua intenzione è quella di goderti un on the road ” a sentimento”?

Valuta allora il chilometraggio illimitato per essere certo di poterti togliere tutti gli sfizi che desideri.

I Costi

I costi variano molto a seconda di vari fattori:

  • Durata e periodo del noleggio: l’alta stagione è ovviamente più costosa rispetto alla bassa, mentre spesso per un noleggio di lunga durata i prezzi giornalieri scendono.


  • Tipologia di mezzo scelta/ numero di passeggeri: a seconda che tu scelga un mansardato, un van, un semintegrale o un motorhome ovviamente cambiano i costi. Scegli attentamente il tuo mezzo valutando sia la tipologia di viaggio che intendi fare, sia la tua destinazione che il numero di passeggeri che viaggerà con te.


  • Fornitura presente a bordo: come dicevamo prima, spesso i pacchetti cucina/biancheria sono considerati extra e alzano il prezzo, ma dipende dal noleggiatore e dalla sua politica.


  • Pacchetto chilometrico scelto: più il numero di chilometri consentiti al giorno è basso e fisso, meno spendi.


nave con mare mosso
Con mare mosso un viaggio in nave o traghetto può essere poco piacevole…


  • Tipologia di noleggiatore a cui ti rivolgi: spesso un noleggiatore privato ha prezzi più bassi, ma ricordati sempre di valutare quanto discusso già in uno dei paragrafi precedenti. Metti al primo posto la tua tutela!


  • Luogo del noleggio: non è un mistero che ci siano destinazioni più economiche di altre, e questo si riflette anche sul costo del noleggio.


Tieni inoltre presente che spesso per affittare un camper dovrai versare una cauzione oltre al costo del noleggio: se al tuo ritorno il mezzo risulterà sano, integro e senza danni la caparra ti sarà naturalmente restituita.

Anche l’importo della caparra varia da noleggiatore a noleggiatore.

A Chi è Consigliato il Fly and Drive e Perché

Vediamo ora perché dovresti scegliere un viaggio in fly and drive.

Se Sei un Camperista

Sei già un camperista, quindi possiedi un tuo mezzo: perché dovresti noleggiarne un altro e non utilizzare il tuo?

Ci possono essere tante motivazioni, prima fra tutte la meta che vuoi visitare.

Se pensi di esplorare l’America in camper, vedi bene che non hai molte altre soluzioni che ricorrere ad un fly and drive…

Ma anche alcune mete europee possono essere limitanti, come ad esempio le isole.

Pensa alla Scozia o all’Islanda: quanto ti costerebbe traghettare il tuo camper fin là?

Ti possiamo assicurare che la tratta via mare è molto, molto costosa…

Lo stesso dicasi per l’Irlanda.

La bellissima Islanda
Una delle mete più belle da visitare in fly and drive è l’Islanda.

Ma il costo non è l’unico motivo, perché in realtà abbiamo simulato lo stesso viaggio fatto in fly and drive e col proprio camper, e i prezzi sono molto simili (differiscono per un centinaio di euro).

Il motivo fondamentale è il tempo.

Quanto impiegheresti per raggiungere ad esempio Dublino partendo, come abbiamo fatto noi, da Torino?

Tanto, perché da Torino abbiamo dovuto attraversare in primo luogo la Francia per raggiungere Roscoff, poi da lì abbiamo traghettato il nostro camper in un viaggio durato circa 20 ore e poi da Rosslare, il porto di arrivo, abbiamo raggiunto la nostra meta.

Tieni conto che la traversata non è stata piacevole perché abbiamo trovato mare mosso, e quindi siamo sbarcati sul suolo irlandese a dir poco sbattuti…

In fly and drive avremmo invece raggiunto Dublino belli freschi e riposati in meno di tre ore, pronti ad iniziare la nostra vacanza.

Tieni poi presente che ci sono anche luoghi difficili da visitare col proprio camper, che magari è di dimensioni ingombranti: rischieresti di trovarti in situazioni scomode, quindi magari meglio noleggiare qualcosa di più agile.

Se Non Sei un Camperista

Magari non sei un camperista ma il mondo del plein air ti affascina…

E poi ora va così di moda..!

Prima di acquistare un camper tuo è però sempre meglio provare l’esperienza proprio grazie ad un noleggio, e con un fly and drive potresti unire il piacere di un viaggio in posti lontani all’esperienza della vita in camper on the road.

Non dovrai preoccuparti di nulla, solo di seguire la strada e goderti il viaggio.

Pro e Contro

Ricapitoliamo quindi i pro e i contro di un viaggio in fly and drive.

Pro

  • Minor tempo di trasferimento verso la destinazione scelta, più tempo per visitarla.


  • A volte costi ridotti.


  • Utilizzo di un mezzo adatto alle specifiche esigenze di quel viaggio.


La verde Irlanda, tutta da scoprire
L’Irlanda è un’altra meta meravigliosa da visitare in fly and drive.


  • Possibilità di visitare on the road mete altrimenti irraggiungibili.


Contro

  • Necessità di pianificare anche con grande anticipo il viaggio.


  • Se sei già camperista, non avrai con te la tua casa su ruote ma dovrai adattarti a vivere con ciò che troverai a bordo del camper noleggiato.


Fly and Drive: Le Nostre Conclusioni

Come sai il nostro viaggio di nozze in Irlanda lo abbiamo fatto a bordo del nostro precedente camper, Merlino.

E proprio per questo abbiamo sperimentato sulla nostra pelle tutto ciò che di bello e di meno bello la nostra scelta ha portato con sé.

Oggi collaboriamo con Rotta360, un tour operator che organizza viaggi di gruppo in camper, e con lui abbiamo deciso di proporre l’Islanda e l’Irlanda sì in camper, ma con la formula del fly and drive.

Crediamo davvero che sia la soluzione migliore sia per chi non è attualmente camperista, sia per chi già lo è, tenendo anche in considerazione quelle famiglie che hanno giorni di ferie limitati e tutte le persone che non possono o non vogliono perdere tempo con tappe di trasferimento troppo lunghe e sfiancanti.

Perché sì, viaggiare in camper è la cosa più bella del mondo… ma stare male in nave non è il massimo della vita, e forse a parità di costi preferiremmo arrivare a destinazione più freschi e riposati.

Tu come la pensi?

Facci sapere la tua opinione e magari parti con noi!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Chiara Mandich
Chiara Mandich

Classe 1985, camperista dalla nascita, è sia l’autrice dei testi del sito che di alcune delle fotografie.