Copenaghen: Cosa Vedere in 3 Giorni nella Città della Sirenetta

Copenaghen Cosa Vedere in 3 Giorni
Copenaghen Cosa Vedere in 3 Giorni

Sei arrivato a Copenaghen: cosa vedere in 3 giorni nella capitale della Danimarca?

Ovviamente le possibilità a tua disposizione sono tante, e il tempo poco, quindi dovrai necessariamente fare delle scelte.

Ma non c’è dubbio che alcuni luoghi siano dei “must”, e non possano essere esclusi in nessun caso.

La Sirenetta

Sicuramente tra le attrazioni presenti nell’agenda di chiunque visiti per la prima volta Copenaghen c’è la statua della Sirenetta.

Vale la pena?

Ni.

la Sirenetta
L’iconica statua della Sirenetta.

Sicuramente è emozionante vedere dal vivo qualcosa che si è sempre e solo visto attraverso libri, documentari e foto sui social…

Ma, proprio perché è così gettonata, probabilmente la troverai circondata da centinaia di persone, cosa che toglierà poesia al momento.

Se vuoi vedere con un po’ di calma questa iconica statua, rappresentante il personaggio più celebre raccontato da Hans Christian Andersen e realizzata nel 1909 dallo scultore Eriksen per volontà del magnate della birra Carlsberg, recati a visitarla al mattino presto o dopo il tramonto.

Eviterai se non altro le orde di crocieristi!

La Fontana di Gefion e la Chiesa di Sant Alban

Nei dintorni della Sirenetta, personalmente ci ha colpiti molto di più la Fontana di Gefion.

Questa rappresenta la leggenda della nascita dell’isola su cui si trova Copenaghen, la Selandia, ed è davvero imponente.

Secondo il mito, Gefion ottenne dal re della Svezia la promessa di avere per sé tutta la terra che fosse riuscita ad arare nel coro di una notte.

La donna trasformò i suoi figli in enormi buoi, e con essi scavò un’enorme quantità di terra, che riversò in mare.

Fontana di Gefion e la chiesa di Sant Alban
La Fontana di Gefion e la chiesa di Sant Alban.

Nacque così la Selandia, e Gefion ne entrò quindi in possesso

Anche quest’opera fu donata alla città dalla Carlsberg.

A pochi passi dalla fontana la chiesa di Sant Alban, forse la nostra preferita in Copenaghen.

Si tratta di una chiesa anglicana costruita alla fine del 1800, in stile neo gotico.

Al suo interno un magnifico organo, ma è proprio l’architettura particolare della chiesa stessa a renderla, secondo noi, così affascinante.

La Cattedrale e la Marmorkirken

A proposito di Chiese, almeno altre due sono degne di visita.

La prima è ovviamente la Cattedrale, che ad onor del vero a primo impatto ti lascerà perplesso e forse deluso.

interno della Cattedrale
La Cattedrale al suo interno.

L’edificio all’esterno non è niente di particolare infatti, e risulta incassato in una via stretta e trafficata.

L’ingresso sembra riprodurre un tempio greco, e contribuisce a far sembrare il tutto un po’ un guazzabuglio.

Ma poi l’interno, seppur decisamente semplice, ci ha conquistati.

Ragazzina dentro la Cattedrale
Un’ immagine che sembrava quasi uscita da un film.

Tutto è bianco candido, con candele sparse qua e là, e l’atmosfera che vi si respira è di profonda spiritualità.

La Marmorkirken invece, situata nei pressi dell’Amalienborg, si fa subito notare per la sua grande cupola che ricorda molto da vicino quella di San Pietro.

Marmorkirken
La Marmorkirken, con la sua cupola che ricorda San Pietro.

Le statue che dovevano ornarne l’interno, poiché realizzate di dimensioni troppo grandi, furono invece poste all’esterno, e sembrano un po’ fare la guardia all’edificio.

Quando vi entrerai, alza gli occhi e ammira la volta della cupola: a noi è piaciuta tantissimo!

Nyhavn

Il quartiere più iconico, fotografato e vissuto di Copenaghen è certamente Nyhavn, ed è facile intuire il perché.

E’ infatti davvero incantevole, e sembra quasi uscito da una fiaba con le sue casette colorate che si specchiano nell’acqua.

Nyhavn
Il colorato quartiere di Nyhavn.

Incredibilmente suggestivo soprattutto all’alba e al tramonto (ma preferisci l’alba se vuoi godertelo senza troppi turisti), è preso d’assalto anche per cenare o per concedersi un semplice drink.

Qui infatti il numero di locali presenti è altissimo, anche se i prezzi non sono economici…

Ma di certo la location merita!

Christiania

Christiania è forse il luogo più misterioso e chiacchierato di Copenaghen, ed è di certo uno di quelli da visitare tenendo ben gli occhi aperti.

Vuoi perché ogni angolo è un tripudio di murales, cose bizzarre e angoli pittoreschi, vuoi perché dovrai imprimere il tutto più attraverso i tuoi occhi che per mezzo dell’obiettivo della macchina fotografica.

In questo quartiere hippie infatti, dichiaratosi Stato Libero e autonomo negli anni ’70, il traffico di droghe leggere all’aria aperta è consentito…

Christiania
Lo Stato libero di Christiania.

Ma non potrai fotografarlo, quindi ti consigliamo di fare attenzione se non vuoi incappare in problemi.

E degli appositi cartelli ti aiuteranno nel riconoscere i posti “no”.

Anche se, viste le premesse, eravamo un po’ agitati quando vi abbiamo messo piede, possiamo assicurarti che l’atmosfera che si respira a Christiania è invece rilassata e allegra, con giovani di tutte le estrazioni sociali intenti ad assistere a concerti o bere un cocktail.

Il Porto

Il porto è un altro luogo di ritrovo per i danesi, che qui si radunano anche semplicemente per prendere il sole o bere qualcosa.

O per farsi una nuotata nei mesi estivi, perché no?

Lungomare
Relax e divertimento sul lungomare.

Dicono che l’acqua sia pulitissima qui, ma a noi così non è sembrato.

Ci sono comunque decine di locali, ed imbarcazioni ormeggiate di ogni tipo e dimensione, dai piccoli natanti privati a quelli che offrono escursioni per i turisti, dai velieri alle navi da crociera, passando per i traghetti che trasportano la gente da un lato all’altro dei canali.

L’Orto Botanico

Un luogo di verde e di pace all’interno di Copenaghen, a poca distanza da Rosenborg.

L’Orto Botanico è considerato uno dei più importanti d’Europa, e fa parte del Museo di Storia Naturale.

orto botanico
L’Orto Botanico, un angolo verde a Copenaghen.

I suoi giardini fioriti sono davvero deliziosi, ma la sezione più visitata è la Palm House, la grande serra vittoriana che ospita piante grasse ed esotiche, anche rare, provenienti da tutte le parti del mondo.

Nella stagione estiva potrai anche visitare la Casa delle Farfalle, dove potrai osservare la vita e l’evoluzione di questi insetti che sono lasciati liberi di volare tutto intorno a te.

I Castelli: Amalienborg, Rosenborg e Christianborg

Ci sono ben 3 palazzi reali a Copenaghen, visitabili però solo parzialmente perché spesso ancora visitati dai regnanti.

Amalienborg
Uno dei lati dell’Amalienborg.

L’Amalienborg è la residenza invernale della regina, e rappresenta una delle più grandi opere di architettura danese in stile rococò.

Nella piazza antistante, ogni giorno alle 12.00 in punto, potrai assistere alla cerimonia del cambio della guardia, con tanto di banda se la regina si trova nell’edificio.

Solo due dei quattro edifici da cui il complesso è composto sono aperti al pubblico e visitabili.

La già citata cerimonia del cambio della guardia termina sì ad Amalienborg, ma inizia alle 11.30 presso Rosenborg, altra residenza reale.

rosenborg
Rosenborg e i suoi giardini.

Il palazzo è circondato dai giardini di Kongens Have, i più antichi giardini reali in Danimarca, ed ospita oggi il Tesoro della Corona ed altre collezioni, ad esempio d’arte e di porcellane.

Infine Christianborg, che si trova verso il porto sull’isolotto di Slotholmen.

La sua particolarità è che si tratta dell’unico edificio al mondo ad ospitare i tre poteri supremi: il potere esecutivo, il potere legislativo e il potere giudiziario.

Strøget e le Altre Vie

Se vuoi fare shopping, allora ti consigliamo di percorrere la Strøget, la via pedonale dedicata allo shopping più lunga d’Europa.

Strøget
Fabio davanti al sito dei Guinness World Record a Strøget

E’ lunga infatti ben 11 chilometri, e qui potrai vedervi affacciare negozi di ogni tipo e per tutte le tasche.

Ma se cerchi qualcosa di realmente caratteristico, non è qui che devi concentrare il tuo desiderio di acquisti.

Molto più consigliate, infatti, mete come Osterbro, Vesterbro e Norrebro.

I Musei

Se parliamo di musei, a Copenaghen hai davvero l’imbarazzo della scelta.

Alcuni di essi, inoltre sono persino gratuiti, o accessibili con un biglietto combinato che dà accesso a più siti diversi.

Oltre al già citato Museo di Storia Naturale, a Copenaghen potrai visitare il Museo Nazionale, che rappresenta magistralmente i più importanti eventi storici danesi attraverso giochi di luci e suoni.

Palm House
La Palm House vittoriana, parte del Museo di Storia Naturale.

Abbiamo poi la Gliptoteca Carlsberg, un edificio immenso che ospita più di 10000 opere d’arte tra sculture e dipinti.

Tra queste, opere di Van Gogh, Manet, Cezanne e altri artisti illustri.

Se sei un fan delle opere d’arte, allora troverai appassionante anche il Museo delle Belle Arti per l’appunto, mentre le famiglie con bambini faranno divertire in modo intelligente i più piccoli con una visita all’Experimentarium.

Infine, se apprezzi il genere, visita il Museo del Design Danese, una delle chicche del Paese.

La Biblioteca Reale

A proposito di design, forse apprezzerai quello della Biblioteca Reale, famosa anche col nome di “diamante nero” per via della sua struttura a cubi scuri inframmezzati da un atrio bianco ad otto piani e dalla superficie ondulata.

Questa biblioteca è considerata la più grande del Nord Europa, e conserva al suo interno una copia di tutti i libri stampati in Danimarca a partire dal 1482.

Per gli Amanti dei Parchi di Divertimento: il Tivoli e il Bakken

Se, come noi, sei un amante dei parchi di divertimento, allora imprescindibile una visita ai Giardini Tivoli.

Si tratta del secondo parco più antico al mondo, ed è stato realizzato nel 1843 da Georg Carstensen per distrarre i cittadini dalla politica.

Al suo interno attrazioni da luna park, sì, ma anche un piccolo acquario, dei teatri, e l’ottovolante più antico al mondo, risalente al 1914.

Pensa che i freni qui non sono automatici, ma azionati all’occorrenza da una persona (il frenatore) che viaggerà insieme a te a bordo del convoglio.

Giardini Tivoli
I Giardini Tivoli, secondo parco di divertimenti più antico al mondo.

Al Tivoli ti sembrerà di trovarti all’interno di un mondo magico e incantato, fuori dal tempo e variopinto…e anche mangiare, qui, è un’esperienza!

L’unica pecca è che l’ingresso è a pagamento, e sono poi a pagamento anche le singole attrazioni.

Puoi però acquistare un biglietto all inclusive (ingresso + attrazioni + attività extra) al costo di circa 60€ a persona.

Visto che ti abbiamo detto che i Giardini Tivoli sono il secondo parco di divertimenti più antico al mondo, qual è il primo?

Il Bakken, che si trova a pochi chilometri di distanza da Copenaghen!

Questo è un vero e proprio luna park (ingresso gratuito, attrazioni a pagamento), e pensa: risale addirittura al 1583!

Il Nostro Itinerario

Dopo averti dato un’idea delle varie cose che potresti vedere in generale, ti raccontiamo quello che è stato il nostro personale itinerario in 3 giorni.

Preso molto con calma, e con varie tappe a Nyhavn per goderci il quartiere in vari momenti della giornata.

  • 1° Giorno: statua della Sirenetta, Fontana di Gefios e Chiesa di Sant Alban, passeggiata lungo il porto, cambio della guardia all’Amalienborg. Visita alla Marmorkirken. Nel pomeriggio passeggiata lungo la Strøget, Christiansborg e Nyhavn.


  • 2° Giorno: Nyhavn, Cattedrale, Giardino Botanico, Rosenborg. Biblioteca Reale e Christiania. Serata nei dintorni di Nyhavn, ma dall’altra parte del braccio di mare, dove abbiamo trovato un vivace quartiere pieno di chioschetti per lo street food.


  • 3° Giorno: Intera giornata ai Giardini di Tivoli


Dove Sostare col Camper

Per la nostra visita di Copenaghen ci siamo appoggiati al City Camp, un’area di sosta situata a circa 20 minuti a piedi dalla fermata della metropolitana.

I ragazzi all’accoglienza sono gentilissimi, nulla da dire, ma l’area in sé non è delle migliori in cui siamo stati.

City Camp
La nostra piazzola al City Camp.

Le piazzole sono su terreno sterrato piuttosto sconnesso, separate l’una dall’altra da nastri vedo-non-vedo.

C’è corrente grazie a delle “colonnine fai da te”, e ci sono dei bagni con docce all’interno di case mobili.

C’è anche il camper service, anche se lo scarico delle acque grigie è un po’ scomodo perché sfrutta un imbuto che tende a non mantenere la corretta pendenza.

Insomma, è un’area con tutti i servizi…ma abbastanza “raccogliticcia”

Ricordati che dovrai pagare in contanti!

Copenaghen: Cosa Vedere in 3 Giorni – le Nostre Conclusioni

Speriamo di esserti stati d’aiuto con questa nostra piccola guida su Copenaghen e cosa vedere in 3 giorni, anche se ognuno ha i suoi gusti e le sue priorità.

Noterai che mangiare a Copenaghen costa piuttosto caro (un singolo Smørrebrød, fetta di pane di segale guarnita con pesce, pollo e/o verdura, costa anche 15€ al pezzo), ma le attrazioni sono in genere più che abbordabili.

Non il Tivoli: il parco è caro e non si discute.

Ma alcuni musei a svariati luoghi iconici sono gratuiti, o sono inclusi in biglietti cumulativi, quindi goditi la tua vacanza a Copenaghen…e alla prossima!

Richiedi un preventivo personalizzato

Per un preventivo personalizzato, compila il form, il nostro tour operator sarà a tua disposizione per concordare  la formula ed il preventivo più adatti alle tue esigenze

Picture of Chiara Mandich
Chiara Mandich

Classe 1985, camperista dalla nascita, è sia l’autrice dei testi del sito che di alcune delle fotografie.

Ultimi Articoli

Ultimo video

Articoli correlati

Articoli più letti